I want… I must play/ Voglio… devo suonare!

Martin moved to Italy when he was a kid. He did nothing but playing music. Even though he was in a wheelchair. A passion that didn’t fade over the years, pushing him to learn drums. There are both an English version and an Italian one for this story

English version

They say Africans have music in their blood. As a kid, since the moment I started to move, I did nothing but playing music. On my legs, on the carpet, on the floor. With pencils, markers and pots. I played everything, everywhere, and always keeping time, obviously! One of my dreams was to play drums and I was sure that I could have made a living as a musician.

Besides playing alone, I used to play with my brothers, spending unforgettable moments with them, after finishing our homework. Playing together in a room. Summer was the most fruitful time of the year: after choosing our instruments we used to select some melodies to practise with. I remember guitars, both acoustic and electric, and voices were the predominant elements. Sometimes even a keyboard was used. We always lacked the bass, but who knew what a bass was in those days?

We performed songs from famous national and international artists. The others lived those moments with cheerfulness. I, on the other hand, took them very seriously. They sang with commitment, but they didn’t play with diligence. I played with determination. We were used to play for hours, especially in the summer, and we were also planning to create a family band. We used to discuss instruments, the date and the place of our future debut and even our playlist. Yes, in summer we dreamt. But the school year and its difficulties dragged us back into reality! While growing older, the increasing amount of homework forced us to think less of music. Finally, we gave up.

But that shattered dream didn’t make music disappear from my life. It made it more relevant. First, thanks to my best friend’s brother, I had the chance to know rock better, discovering even the hard rock bands (Rammstein was one of the most interesting ones!). Then, thanks to some childhood friends that I met again and other guys, I started to go into Italian music and explore other genres. I managed to expand my music knowledge, even participating in some concerts. Since when I was a kid I have attended my father’s band gigs. Being there, watching friends playing (some with my some age, some older) was truly exciting. During the live performances, at the beginning, I was mainly focused on the drummers. However, over the years, I have started to observe also the other band members. Before, during and after the gigs, I talked with the musicians and had the chance of improving my music culture. My favourite genre has always been rock, but I also like jazz and blues. Ska sounds a bit peculiar to me, and funky is very cool to play! Songs with the simplest tempo are wonderful, but even more complex ones are cool! For example, all of those King Crimson’s, Yes’, Dream Theater’s, Elio e Le Storie Tese’s songs.

I can consider my childhood very cheerful, while my adolescence, especially the high school years, was unpredictable. A deadly ballet of joy and sorrow. One of my favourite moments was starting taking drum lessons. My first lesson was a big emotion for me and my teacher was really amazed. He didn’t believe that was my first time playing. During the first year, the wave of enthusiasm made everything easier. I had to focus more from the second one. I admit that was the most complicated year for me. School was harder, but music, along with some special people, was my silver lining! Sometimes I used it for taking all my anger and my frustration out. I decided to study alone for 2 years. However, I actually studied alone for only one year. Studying by yourself can be a good and viable option if you are self-confident and solid. If you aren’t, and you don’t have perseverance it becomes very complicated.

Besides the lessons, in these years, I have had the chance to put into practice what I have studied. I had beautiful music experience (one of the most stimulating was at the Primary School G. Rodari). I had the chance to play with several bands. With people of different ages. Gentle, extravagant and weird. I met good singers and really cool girls (I admit that I have a penchant for female voices). I performed with keyboardists and flutists. Great respect for them! I played even with bassists. I only met few, most of them were excellent. I observed, met and talked with several drummers, some of them very interesting. I performed with several bands until I founded my own. With good, reliable members and a limitless will to play. We don’t always have time for the rehearsal. However, we try. We also try playing on stage.

Throughout the years my influences as a drummer have changed. From Dave Weckl to Vinnie Colaiuta, passing for Carlo Gaia and Enrico Temistocle and John Bonham! Discovering Led Zeppelin was amazing. Discovering their drummer was awesome! Bonzo was a man of few words but he centralised the attention when he played. Sat on the stool, behind that drum (not even so big). He rockets! Certainly one of the best ever! Listening to Led Zeppelin’s music and watching their videos is a pleasure for me. If I could take something from Bonzo’s music style I wish to have his effectiveness, his creativity and his ability to perform grooves with elegance (like “When the levee breaks”, one of my favourite songs!). I would like to reach half of his hands’ speed.

Some months ago I started to play in another school and I am very satisfied with this choice. E.B. is both funny and professional, picky and loves drumming techniques. In this short time I learnt notions, treats and suggestions about drum and music in general. Most of them are very fascinating and stimulating! Three exercises that he has given me has been very useful: reading notes from sheet music and training my right hand and my right foot. Three weaknesses that I’m working on, week after week. Reading notes from sheet music can open up a world, practicing with my right hand allows me a better alternation with the left one and improving with the bass drum is amazing. My teacher, but also my desire to raise the bar higher, have made me double my efforts, and, with great pleasure, I have already noticed some improvements!

I play because I want to follow my greatest passion, for having fun, for getting the game! I play for letting off steam, for the astonishment, for the thrill! I play for proving that I can do this, even though I’m in a wheelchair! I play as a challenge! I play for showing that I learnt from exercises and suggestions! I play for keeping my mind active! I play for using my legs, especially during the fast tracks, and watching them move without too much difficulty and effort! I play for my Italian family and my African one! I play especially for Octavina and don Oreste, because I wouldn’t have been in Italy and I wouldn’t have played drum without them!

IMG-20190609-WA0006

 

Italian version

Si dice che gli africani abbiano il ritmo nel sangue! Da quando ho potuto cominciare a muovermi da bambino non facevo altro che suonare! Suonavo sulle gambe, sul tappeto, sul letto, sul pavimento. Suonavo con le matite, i pennarelli, le pentole. Suonavo qualsiasi cosa, ovunque! Andando sempre a tempo, ovviamente! Uno dei sogni che avevo, oltre a quello di camminare, era suonare la batteria! Ero sicuro di poter vivere di musica.

Oltre che da solo per un periodo l’ho fatto anche in compagnia dei miei fratelli. Indimenticabili quei momenti in cui, dopo aver terminato i compiti, ci trovavamo in una stanza e suonavamo insieme. L’estate era il periodo più proficuo: scelti gli oggetti, mettevamo le musiche e ci suonavamo sopra. Ricordo che predominavano le chitarre, sia elettriche che acustiche, e le voci. A volte c’era anche una tastiera. Mancava sempre un basso, ma a quei tempi chi sapeva cosa fosse un basso!

I brani spaziavano tra quelli di famosi artisti italiani e internazionali! Mentre gli altri passavano quelle ore molto allegramente, io al contrario le prendevo molto seriamente. Cantavano seriamente, ma suonavano per finta. Io suonavo con decisione e convinzione. Suonando varie ore insieme, soprattutto nel periodo estivo, stavamo anche valutando abbastanza concretamente di creare una band familiare. Discutevamo degli strumenti, della data di debutto, del luogo dove esibirci e anche della scaletta. Sì, in estate si sognava e si progettava. Ma l’anno scolastico, con le sue difficoltà, ci riportava alla realtà! L’aumento dell’età, insieme a quello dei compiti scolastici, ha affievolito questa bella fiamma fino a farla spegnere del tutto.

Infranto quel sogno, invece di scomparire, la musica ha aumentato la sua presenza nella mia vita. Prima, grazie al fratello del mio migliore amico, ho potuto approfondire il mondo del rock. Esplorando anche quello più duro (tra i vari gruppi i Rammstein sono stati tra le migliori scoperte!). Poi, grazie a degli amici d’infanzia ritrovati e ad altri ragazzi, ho potuto addentrarmi nella musica italiana e conoscere altri generi. Sono riuscito ad ampliare il mio bagaglio musicale, partecipando anche a concerti. Fin da piccolo ho assistito alle esibizioni della band di mio padre. Viverli e veder suonare amici, alcuni della mia età o poco più grandi, è stato doppiamente emozionante ed entusiasmante. Durante i live la mia attenzione era inizialmente prettamente per il batterista, ma nel corso degli anni ho cercato di guardare anche tutti gli altri componenti. Prima, durante e dopo i concerti conversando con loro ho potuto aumentare la mia cultura musicale grazie ad aneddoti, storie, miti, curiosità legati ad album, artisti, gruppi e ai vari generi musicali. Ho sempre apprezzato di più il rock, ma il jazz e il blues non sono male. Lo ska è particolare e il funky è figo da suonare?! Belli i brani con i tempi pari, ma altrettanto affascinanti sono quelli con i tempi dispari! Quelli di band come King Crimson, Yes, Dream Theater, Elio e Le Storie Tese, solo per citarne alcuni.

Se il periodo dell’infanzia è stato particolarmente solare, quello dell’adolescenza, in particolare quello liceale, è stato imprevedibile. Un’altalena micidiale di gioie e dolori. Una delle emozioni più forti è stata quella di poter iniziare un corso di batteria. Se la mia prima ora di lezione è stata un’emozione unica per me, per il mio insegnante è stata una di stupore. Non credeva davvero che fosse la prima volta che suonassi. Sull’onda dell’entusiasmo ho vissuto di rendita il primo anno. Dal secondo, invece, ho dovuto iniziare a studiare seriamente. Ammetto che dei quattro anni vissuti in quella scuola il secondo è stato il più entusiasmante! L’anno scolastico è stato maggiormente ostico e critico e la musica, oltre a determinate persone, è stata la mia ancora di salvezza! La musica, qualche volta, l’ho usata per sfogare tutta la rabbia e la frustrazione che avevo dentro. Tecnicamente per due anni, ma praticamente solo per uno, ho deciso di studiare da solo. Studiare da autodidatti può essere una buona idea, e realizzabile, se si è convinti, sicuri e concreti. Se mancano queste tre cose, senza dimenticare la costanza, è davvero complicato.

Oltre a prendere lezioni in questi anni ho potuto mettere in pratica quanto studiato. Ho potuto vivere delle belle esperienze musicali (una delle più stimolanti è stata quella alla scuola elementare G. Rodari). Ho avuto la possibilità di suonare in svariate band con componenti di età diverse. Gente alla buona, stravagante e bizzarra. Ho conosciuto cantanti bravi e tipe davvero forti (ammetto di avere un debole per le voci femminili!). Ho potuto suonare con tastieristi e fiati. Tanta stima per loro! Ho potuto suonare anche con bassisti. Seppur pochi, la maggior parte di un livello decisamente alto. I bassisti sono merce rara, però spesso è gente davvero in gamba. Ho visto, conosciuto e conversato con diversi batteristi. Alcuni un po’ scontati, altri molto interessanti. La velocità non è tutto, la semplicità e l’incisività sono molto importanti. Ho suonato in diverse gruppi, ma da qualche anno ne ho trovato uno stabile. Creato da me. Un chitarrista con gli attributi, un pianista altrettanto bravo, una cantante che non ama urlare ma che cantando, con una certa bravura, trasmette delle grandi emozioni. Andiamo a corrente alternata, a periodi, perché tra i vari impegni e lavori non sempre riusciamo ad incastrare le prove. A volte cerchiamo anche di condividere il palco insieme.

Nel corso degli anni ho cambiato vari punti di riferimento batteristico. Sono partito da Dave Weckl e Vinnie Colaiuta, sono passato a Carlo Gaia e Enrico Temistocle (senza dimenticare Rick Allen che, nonostante la perdita di un braccio in un incidente automobilistico. non ha perso la voglia e la grinta di suonare!), fino ad arrivare a John Bonham! “Conoscere” i Led Zeppelin è stato meraviglioso, “conoscere” il loro batterista è stato fantastico! Bonzo era un tipo di poche parole ma accentrava l’attenzione su di sé quando suonava. Seduto sullo sgabello, dietro quella batteria (neanche troppo grande), faceva faville. Sicuramente uno dei migliori!! Ascoltare le musiche e vedere i video è una goduria sia per le orecchie sia per gli occhi! Se potessi prendere qualcosa di musicale da Bonzo, sicuramente vorrei la sua incisività, la sua creatività e la bellezza di suonare groove semplici con stile (“When the levee breaks” ne è un esempio, uno dei miei brani preferiti!). Come obiettivo mi piacerebbe raggiungere metà della sua velocità delle mani.

Da qualche mese suono in un’altra scuola e sono molto soddisfatto della scelta compiuta. E.B. è sia ironico che serio, è pignolo e adora la tecnica della batteria. In questo poco tempo ho potuto già apprendere nozioni, chicche e consigli sulla batteria e sulla musica in generale. La maggior parte affascinanti e stuzzicanti! Dei vari esercizi tecnici che mi ha insegnato, tre mi hanno rallegrato molto: la lettura degli spartiti, il potenziamento della mano destra e il rafforzamento del piede destro. Tre lacune che sto eliminando di settimana in settimana! La lettura dello spartito mi ha aperto un mondo, il potenziamento della mano destra mi sta permettendo di alternarla meglio alla sinistra (sia negli esercizi sia nel tenere il tempo in alcune musiche suonate con la band) e il rafforzamento della cassa è una gioia grandiosa! La pignoleria dell’insegnante, ma anche la mia voglia di alzare l’asticella della mia bravura, ha raddoppiato il mio studio! Con grande soddisfazione, sto già notando dei miglioramenti!!

Suono per seguire la mia passione più grande! Suono per divertirmi! Suono per mettermi in gioco! Suono per sfogarmi! Suono per stupire! Suono per emozionare! Suono per dimostrare agli altri che, pur essendo in carrozzina, posso fare questo! Suono per sfidarli! Suono per mostrare di aver appreso esercizi e consigli! Suono per tenere accesa la mente! Suono per usare le gambe ed è bello soprattutto nelle musiche veloci, vederle andare senza troppa difficoltà o sforzo! Suono per la mia famiglia italiana! Suono per la mia famiglia africana! Suono soprattutto per Octavina e don Oreste, perché senza di loro non sarei qui in Italia e non suonerei la batteria!

FB_IMG_1578064395918

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.